Acn Siena, Bellandi: “Con Gilardino qualche problema c’è stato. Ora subito due rinforzi”

Intervista rilasciata ad Alessandro Pagliai nella trasmissione di RadioSienaTv "Minuto per minuto"

Il vice presidente dell’Acn Siena, Andrea Bellandi, nel corso dell’intervista rilasciata ad Alessandro Pagliai nella trasmissione di RadioSienaTv “Minuto per minuto” torna a parlare di mercato e delle dichiarazioni dell’ex allenatore Gilardino.

“Non voglio alimentare polemiche – ha detto Bellandi – ma interviste come quella rilasciata da Gilardino le comprendo il giorno dopo che ci siamo lasciati e non dopo la prima partita. Mi chiedo se l’avrebbe rilasciata se il Siena avesse vinto. Gilardino persona professionalmente inattaccabile e lo abbiamo detto”.

Per quanto riguarda la presunta incomunicabilità tragilardinomister e società, Bellandi spiega: “E’ arrivato il 25 agosto e non c’era neppure la società di nostra proprietà. Non mancavano solo le maglie ma anche il titolo sportivo, è così. Ma non è un problema. Per il resto evidentemente se ci siamo lasciati un problema di comunicazione c’è stato. Evidentemente comunicavamo male  altrimenti non saremmo arrivati a questo punto”.

Andrea Bellandi analizza anche l’incontro con il San Donato e parla del futuro del Siena: ” Il match di ieri ha consentito di valutare la rosa a disposizione e capire quali sono le necessità di questa squadra che sul piano del gioco, così come è adesso, non può ammazzare il campionato. Va rinforzata, questo sicuramente, ma ha messo in luce una situazione che ci dà fiducia per i prossimi incontri che sono tutti ravvicinati”.

E sui rinforzi: “Lo staff tecnico ha evidenziato le situazioni su cui intervenire ma vogliamo uomini in grado di cambiare il volto della squadra, quindi di categoria superiore. Nessuna rivoluzione: penso due giocatori, perchè questa rosa il tessuto ce l’ha già”.

E sulla guida di Argilli-Voria: “Che possano restare anche dopo il 31 gennaio è una delle ipotesi, ma i risultati sono fondamentali. La progressione del secondo tempo con il San Donato dimostra che abbiamo dato una logica al nostro gioco. La partita con la Sangiovannese diventa un punto importante per il loro futuro”.